il primo bacio

23 Aprile 2020

Cari amici,
oggi vi propongo una lunga riflessione, in duplice forma.
Potete leggere il testo, come al solito, o anche ascoltarlo, cliccando il link in fondo all’articolo.
Stiamo vivendo un momento in cui i “baci per strada” sembrano miraggi. E allora ho provato a riflettere un po’ sul “primo bacio”.
Ho scritto questo testo qualche notte fa. Ve lo dono.
Se vi va, ascoltatelo prima di addormentarvi. Qualcuno ha detto che la mia voce aiuta a incontrare il sonno. Un bel paradosso per un’insonne come me…

non si scorda mai

Il primo bacio, come il primo amore, non si scorda mai.
È una di quelle esperienze che rimane custodita nello scrigno dei nostri ricordi più intimi.
Uno di quei momenti che i ragazzi di tutti i tempi, oggi come cento anni fa, non vedono l’ora di poter vivere.
Perché il primo bacio non è solo un bacio, è l’inizio di una storia, piccola o grande che sia, e porta con sé un enorme bagaglio di emozioni e aspettative: è qualcosa a cui non si è mai veramente pronti, qualcosa che attrae e insieme spaventa, qualcosa di terribilmente grande, perché in fondo sai che da quel momento in poi per te si aprirà un ventaglio di nuove possibilità.

Indimenticabile per tutti, sia per le donne che per gli uomini, lo ricordiamo a distanza di anni esattamente com’è stato, un po’ goffo, sicuramente ansioso, di certo irripetibile: perché l’emozione che invade lo stomaco, quando per la prima volta nella vita si sfiorano le labbra di un’altra persona, non ha pari e, no, non si ripeterà mai più nello stesso modo.

Ma che cosa c’è di tanto misterioso in questo “semplice” gesto, cosa c’è di tanto speciale da ispirare i più bei brani della letteratura e le più belle scene della storia del cinema? Il bacio è uno scoprirsi insieme, procedendo per passi piccoli, ma grandi abbastanza per farci assaporare la magia dell’amore.
Ecco perché nessuno dimentica la sensazione del primo bacio e di tutti quelli che, per vari motivi, si sarebbero voluti ricevere ma non sono mai arrivati.

ve lo ricordate?

Ma voi, ve lo ricordate il vostro primo bacio? Non il primo di una storia, ma il primo della vostra vita… che poi, a pensarci bene, le due cose potrebbero coincidere… perché c’è chi ha baciato una sola persona e con quella ha deciso di passare il resto dei suoi giorni…
Ma insomma, com’è stato il vostro primissimo bacio? Era appassionato, bagnato, intenso, oppure allegro, appiccicoso, clandestino? Lo volevate entrambi o non lo volevate proprio?
Era un bacio a fior di labbra o un bacio alla francese? Forse era proprio come ve lo aspettavate o forse ne siete rimasti quasi scioccati… come in quel tipo di bacio in cui l’altra persona vi inonda del suo entusiasmo, affondando la lingua nella vostra bocca, fino a costringervi in una vera e propria prova di soffocamento…
Ma vi ricordate quanto è durato?
Un bacio infinito, starà pensando qualcuno. Quanto sono belli nei film! Ecco, appunto, nei film; ma voi non eravate su un set cinematografico.
Un bacio frettoloso, starà pensando qualcun altro. Com’è noto, Ciò che in fretta si fa, presto si rovina, ma l’imbarazzo del primo approccio spesso porta a fare le cose in modo frettoloso e incasinato. D’altra parte, come si fa a stare calmi davanti a una cosa così grande? Al primo bacio si perdona tutto. Oddio, proprio tutto no: tipo, lo scontro di denti o l’alito che sa di aglio e cipolla… ecco, ogni primo bacio ne dovrebbe essere immune.

il momento giusto

Qualcuno di voi ora, ripensando al suo primo bacio, potrebbe chiedersi: è arrivato al momento giusto? Ammesso che il momento giusto esista…
Be’, se il momento giusto non esiste, di sicuro esiste un momento tendenzialmente sbagliato, e, al contrario di come ci hanno fatto credere certi romanzi e certi film, è proprio il momento finale dell’appuntamento: quello in cui ci si saluta. Quello in cui lei si aspetta il bacio… e il lui della situazione, che ha nel cuore tutta l’ansia di “doverla” baciare, riverserà quell’ansia su di lei, portandola a voler “scappare”, anche se in fondo lei potrebbe desiderare un bacio tanto quanto lui. Per fortuna c’è chi rimane.
Un bacio non si chiede, si dà e si riceve. Arriva quando meno te l’aspetti… ed è proprio quello il momento migliore. Ecco, se il vostro primo bacio è arrivato quando meno ve l’aspettavate, siete stati fortunati.

uomini e donne

Sicuramente il primo bacio non è uguale per tutti; le donne lo vivono in maniera diversa dai maschi.
Se le ragazze passano anni ad immaginarlo, caricandolo di aspettative e, magari, rimanendone deluse, in genere per i ragazzi è tutto molto più spiccio e meno sognante. Una donna, seppur in giovane età, attraverso il bacio riesce a percepire se quella persona è adatta a lei e il bacio diventa quasi più importante del mero rapporto sessuale: si dice che il bacio sia l’ago della bilancia di una storia e, se già dal primo non si è convinte, tanto vale non proseguire. Per i maschi, il primo bacio ha un significato completamente diverso: è il primo stimolo sessuale che impenna il loro desiderio, facendoli sentire più vicini all’atto completo. Non solo: è anche sinonimo di conquista. Baciare per la prima volta vuol dire mettere un punto a tutto ciò che si era prima, diventando un po’ più grandi e un po’ più (o meno) consapevoli. D’altra parte, come diceva Pablo Neruda:

“In un bacio, saprai tutto quello che è stato taciuto.”

E se non è scoperta di qualcosa di nuovo questo, viene da chiedersi che cosa lo sia. 

il sapore della “disco”

Ma voi ve lo ricordate il sapore del vostro primo bacio?
Il mio sapeva di “Big Babol” al gusto fragola. Non ricordo nemmeno il nome del ragazzo a cui l’ho dato, ma ricordo bene il dove e il quando.
È domenica pomeriggio, ho quasi quindici anni, sono in discoteca, indosso un vestitino di seta a fiori e ai piedi ho un paio di anfibi Dr. Martens, in pieno stile anni Novanta… Ballo da un po’, in mezzo alla pista c’è un biondo che mi piace, ha gli occhi azzurri che brillano sotto lo strobo… il dj dalla consolle ha appena lanciato What is Love di Haddaway. Ci cerchiamo seguendo il ritmo… e poi… è un attimo, travolgente e fulmineo, di una naturalezza spaventosa. Il biondo davanti a me mi prende e io non riesco più a staccarmi, o meglio, non voglio staccarmi. La musica sale e il mondo intorno a noi si spegne… In realtà, a pensarci bene, il nostro primo bacio è stato di sguardi, il secondo è stato di labbra, il terzo di mani. Perché, si sa, un bacio può iniziare dalle labbra, ma può finire altrove. Non è un fatto solo di bocca, è qualcosa che coinvolge tutti i sensi, tutto il corpo.

storie e misteri

L’avevo aspettato a lungo, quel primo bacio, e anch’io, come migliaia di altre adolescenti, mi sono chiusa in camera davanti allo specchio, a fare le prove sul dorso della mano e a chiedermi: si farà così? O così? Ma non sarà troppo così? Su dai, donna che sei in ascolto, vuoi dirmi che non l’hai fatto anche tu? Forse allora nemmeno immaginavi che magari anche lui potesse essere imbranato o, almeno, emozionato quanto te, che magari anche lui stesse tremando al solo pensiero di sfiorare le tue labbra.
E tu, uomo, scommetto che la guardavi da una vita… ma non ti decidevi mai, forse perché pensavi che, provando a baciarla, corressi il rischio di perderla. Allora un bel giorno ti sei avvicinato a lei, sperando che fosse lei a sbilanciarsi. Siete arrivati a un punto dove entrambi aspettavano una mossa da parte dell’altro, senza che però mai questo benedetto bacio arrivasse. Poi sei andato a casa, hai pensato a quanto era successo e hai cominciato a fantasticare sui segnali che lei ti aveva dato, concludendo che forse la prossima volta ti saresti spinto più in là. E magari è accaduto realmente, lei ha deciso di darti una seconda chance e tu lì hai dato prova del tuo coraggio, oppure è accaduto l’esatto contrario, quel bacio non c’è mai stato, perché è arrivato uno più sveglio di te, che non si è fatto tanti problemi e ti ha battuto sul tempo, baciando sotto i tuoi stessi occhi la ragazza dei tuoi sogni.
Quante storie e quanti misteri cela il primo bacio…

i numeri

Ma… se il primo bacio non si scorda mai, quanti se ne danno dopo?
Secondo un’indagine, gli italiani danno il loro primo bacio a 15 anni e baciano in media 16 persone nella loro vita. In Europa gli uomini dichiarano di aver baciato più persone rispetto alle donne: verità o sano orgoglio maschile? Chissà… Se poi baciare è un istinto, un impulso che nasce dal profondo e accomuna quasi tutti gli uomini di moltissime culture, in alcuni Paesi orientali, come Cina e Giappone, non ha la connotazione romantica che noi gli attribuiamo, e in alcuni Paesi arabi, come in Egitto, i baci in pubblico sono proibiti.
Da un primo bacio sono nate storie lunghe una vita intera. C’è chi ha baciato una sola persona in tutta la vita, chi non ne ha mai baciata una, chi ne ha baciate tante…
Le statistiche dicono che gli italiani hanno il primo partner a 16 anni e la prima relazione stabile a 20.
3 è la media delle relazioni importanti nell’arco di una vita.
A essere sincera, i numeri non mi sono mai piaciuti, ma di una cosa sono convinta: che i baci più belli sono quelli che hanno il sapore del primo e la paura dell’ultimo.

Per oggi da #fattoreB è tutto!

Ecco qui il link al podcast. Buon ascolto!

amarsi un po’ Previous post amarsi un po’
ripartire Next post ripartire
Total: